Archive for June, 2011

cronache di fine impero

Tuesday, June 21st, 2011

E così  uno dei più cari amici del nostro premier ( se non sei un caro amico perchè uno dovrebbe regalarti tre milioni di euro? ) è finito in carcere. Lele Mora è stato arrestato per bacarotta fraudolenta, un crac da otto milioni e mezzo di euro (  non pizza e fichi…) . E un danno all’erario di sedici milioni di euro ( l’erario siamo noi…). insomma , nonostante  il fallimento della LM Management e il suo fallimento personale, entrambi dichiarati dal tribunale di Milano, l’agente amico di Berlusconi ha continuato a far affari e a portare soldi in Svizzera …

Inoltre, scrive il Gip, Mora ha negoziato assegni circolari emessi da un conto intestato a Giuseppe Spinelli, tesoriere di fiducia del presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, per 2.550.000 euro, oltre a un’altra serie di assegni per circa un milione di euro ( fonte: Corriere della Sera)

guarda qui che roba…

Mora, una volta ha  rivelato di possedere più di trenta busti di Mussolini a casa e di voler scendere in campo nel 2013 nel PdL o in un partito suo… ecco … una volta andavano in parlamento i migliori adesso il parlamento è diventato una alternativa a San Vittore…o al bancone di striscia la notizia.

davvero vergognosa tutta questa vicenda. Ma vi rendete conto di chi è amico Berlusconi?

Secondo piccolo episodio di cronaca è la figuraccia di Salvini ( Lega ) :

Mentana gli chiede se l’ubicazione dei ministeri può essere il  ”casus belli ” all’interno del governo e l’ingenuo Salvini risponde che non gli frega nulla di quanto siano belli i ministeri a Roma…

o signur guarda giò… in che mani siamo?
E’ ora di cambiare…

credetemi,  è ora di cambiare.

a bientot

RESTIAMO UMANI

Pontida

Monday, June 20th, 2011

Non si sta stretti nel pratone di Pontida , bandiere al vento,  uno strisicone gigantesco chiede Maroni santo subito ( a dire il vero lo vuole presidente del consiglio ma…poco cambia) , il vecchio leader Bossi sale sul palco davanti alla sua gente in attesa,  ma non ha cartucce da sparare.

Dal palco chiede che finisca la guerra in Libia perchè costa molto e porta immigrati ( per i morti ci penserà qulcun altro..) come se al governo a decidere le missioni di pace , o di guerra come in un lapsus le chiama lui , non ci fosse stato lui ma l’opposizione.

Il suo discorso è stracolmo di “se”: e se domani , e sottolineo se…

Quello che si presenta a poche migliaia di vecchi in camicia verde ( i giovani hanno magliette verdi e gote rubizze )  è un Bossi confuso e prudente che lancia un sacco di penultimatum…

Chiede i ministeri al nord , dice che Berlusconi li aveva promessi ma poi ” si è cagato sotto” ( quelle finesse…) , si accontenta della targa di un ministero che il sindaco di Monza , molto contento non si sa di cosa, gli offre.

Intorno a Bossi saltella il ridente Calderoli ( un partito che ha fra i suoi esponenti di spicco uno come Calderoli è già morto)  , il saccente ed eterno perdente Castelli che si proclama celtico (menomale,  avevo paura fosse italiano…) , Maroni ( che si è convinto di essere uno statista perchè non sa gestire la questione degli immigrati ma può dare la colpa ai magistrati) e tutti gli altri colonnelli ( con il pugnale nascosto nella mano dietro la schiena),  fingono una unità che è sparita con l’allontanarsi del sogno di poltrone e posti di lavoro per parenti ed amici.

La folla è disorientata e grida cose a caso. Il nome Berlusconi cade sempre nel gelo…

Bossi sa che la fine del Berlusconismo sarà la fine della Lega e per cercare una sponda su cui salvarsi  dice la frase sibillina: : “Non è detto che staremo con Silvio alle  elezioni”,  ma sa bene che non ha altri con cui stare…

Promette vagamente la secessione perchè il termine ”secessione” fa fremere l’animo del leghista doc, lo rianima , gli ridà brio , lo ringalluzzisce ,  esattamente come il termine  ”bunga bunga ” fa fremere l’animo del suo buon alleato Berlusconi ( Bossi è un animale politico , almeno così lo definiscono e non so in che senso prendere l’affermazione, comunque sia , sa dire la parola giusta al momento giusto..)

Le bandiere garriscono ( almeno secondo Castelli) al vento… temo per loro sia il vento di Milano e questo il funerale della lega.

Ogni cosa a suo tempo e il tempo della lega è finito. Arrivederci a Pontida il prossimo anno… adesso salamelle , costine e polenta a tutti.

Calderoli dice :  “Io voglio mangiare padano”.

Sì, mangiano soprattutto veneto , lombardo , piemontese ( e mangiano anche figli , mogli , sorelle , cognati) … ma non digiunano neppure a Roma.

Anche i leghisti “mangiano” e ora tutta Italia lo ha verificato …

a bientot

PS: Ah, c’è stato anche il primo striscione critico di sempre, evento epocale nella storia di Pontida: “Dateci un taglio”. Rimosso.

se lo dicono loro..

RESTIAMO UMANi

ma chi è Bisignani e perchè tutti corrono da lui?

Sunday, June 19th, 2011

Perchè Masi telefona a Bisignani per avere l’approvazione nella sua disputa con Santoro?

Perchè Bisignani ha un filo diretto con Letta ( il vecchio) ?

Perchè le tre ministre hanno stretti contatti con Bisignani?

Perchè Bisignani è riuscito a far diventare sottosegretario la signora ( si fa per dire) Santanchè?

Perchè oltre ai sottosegretari il signor Bisignani ha il potere di scegliere gli uomini dei servizi segreti?

Come hanno fatto Bisignani  e Papa a mettere in piedi un’organizzazione che ricerca notizie segrete per favorire o ricattare persone, tra cui anche membri delle istituzioni ?

Perchè saltano di nuovo fuori Pompa e Pollari?

Perchè la parlamentare del Pdl Micaela Biancofiore si rivolge a Bisignani  per orchestrare la campagna di diffamazione contro Ilda Boccassini?

Perchè Bisignani è convinto di avere il controllo de “Il Giornale” ?

E anche Montezemolo telefona a Bisignani…

Ma chi accidenti è questo Bisignani? 

a bientot

PS: Bossi vuol portare tre ministeri a Monza, così potrà portare il gran premio a Roma ,  il lago di Como a Parma , San Pietro ( Papa incluso) a Lazzate e  le guardie svizzere a Ceriano Laghetto a curare che nessuno apra kebaberie, poi porterà palazzo Marino ( Pisapia incluso ) a Lampedusa, il trota in parlamento , il Po nelle Marche ( così ci sarà una divisione naturale fra nord e sud)  e Luisa Corna alla direzione RAI e finalmente l’Italia funzionerà meglio!

Ah , a Pontida porterà un sacco di balle … come sempre!

poesie del sabato

Saturday, June 18th, 2011

Sospiro
L’anima verso la tua fronte, o calma sorella,
dove sogna un autunno sparso di macchie di porpora
e verso il cielo errabondo delle tue iridi
angeliche, sale, come in un malinconico
giardino, fedele un bianco zampillo sospira
verso l’Azzurro!
- Verso l’Azzurro raddolcito d’Ottobre
pallido e puro che specchia il suo languore infinito
ai grandi bacini e lascia, sull’acqua morta
dov’erra col vento la fulva agonia delle foglie
scavando un gelido solco, trascinarsi
il sole giallo con obliquo raggio.
 Albert Einstein

_°_°_°_

La verità, vi prego, sull’amore
Dicono alcuni che amore è un bambino e alcuni che è un uccello,
alcuni che manda avanti il mondo e alcuni che è un’assurdità
e quando ho domandato al mio vicino, che aveva tutta l’aria di sapere,
sua moglie si è seccata e ha detto che non era il caso, no.
Assomiglia a una coppia di pigiami o al salame dove non c’è da bere?
Per l’odore può ricordare i lama o avrà un profumo consolante?
È pungente a toccarlo, come un prugno o è lieve come morbido piumino?
È tagliente o ben lischio lungo gli orli?
La verità, vi prego, sull’amore.
I manuali di storia ce ne parlano in qualche noticina misteriosa,
ma è un argomento assai comune a bordo delle navi da crociera;
ho trovato che vi si accenna nelle cronache dei suicidi
e l’ho visto persino scribacchiato sul retro degli orari ferroviari.
Ha il latrato di un alsaziano a dieta o il bum-bum di una banda militare?
Si può farne una buona imitazione su una sega o uno Steinway da concerto?
Quando canta alle feste è un finimondo?
Apprezzerà soltanto roba classica?
Smetterà se si vuole un po’ di pace?
La verita’ grave, vi prego, sull’amore.
Sono andato a guardare nel bersò lì non c’era mai stato;
ho esportato il Tamigi a Maidenhead, e poi l’aria balsamica di Brighton.
Non so che cosa mi cantasse il merlo, o che cosa dicesse il tulipano,
ma non era nascosto nel pollaio e non era nemmeno sotto il letto.
Sa fare delle smorfie straordinarie?
Sull’altalena soffre di vertigini?
Passerà tutto il suo tempo alle corse o strimpellando corde sbrindellate?
Avrà idee personali sul denaro?
È un buon patriota o mica tanto?
Ne racconta di allegre, anche se spinte?
La verità, vi prego, sull’amore.
Quando viene, verrà senza avvisare, proprio mentre sto frugando il naso?
Busserà la mattina alla mia porta o là sul bus mi pesterà un piede?
Accadrà come quando cambia il tempo?
Sarà cortese o spiccio il suo saluto?
Darà una svolta a tutta la mia vita?
La verità, vi prego, sull’amore

Wystan Hugh Auden

_°_°_°_°_°

sono aria
Sono aria i sospiri
e vanno via nell’aria.
Sono acqua le lacrime
e se ne vanno al mare.
Ma, ragazza, l’amore
sai dirmi dove va
quando ce ne scordiamo?
Gustavo Adolfo Bécquer

_°_°_°_°

Non dedicarmi troppo tempo…
Non dedicarmi troppo tempo,
non pormi tante domande.
Non sfiorare la mia mano
con i tuoi occhi buoni, fedeli.

Non seguirmi in primavera
lungo le pozzanghere.
Lo so: una volta ancora, nulla
verrà fuori da questo incontro.

Forse pensi: è per superbia
che non mi vuole amico.
Non la superbia, l’amarezza
tiene così alta la mia testa.
Bella Achatovna Achmadulina

_°_°_°_°_

Preghiera alla poesia
Oh, tu bene mi pesi
l’anima, poesia:
tu sai se io manco e mi perdo,
tu che allora ti neghi
e taci.

Poesia, mi confesso con te
che sei la mia voce profonda:
tu lo sai,
tu lo sai che ho tradito,
ho camminato sul prato d’oro
che fu mio cuore,
ho rotto l’erba,
rovinata la terra –
poesia – quella terra
dove tu mi dicesti il più dolce
di tutti i tuoi canti,
dove un mattino per la prima volta
vidi volar nel sereno l’allodola
e con gli occhi cercai di salire –
Poesia, poesia che rimani
il mio profondo rimorso,
oh aiutami tu a ritrovare
il mio alto paese abbandonato –
Poesia che ti doni soltanto
a chi con occhi di pianto
si cerca –
oh rifammi tu degna di te,
poesia che mi guardi.
Antonia Pozzi

a bientot

RESTIAMO UMANI

Due cose:

Oggi il mitico Stracquadanio ha dato del “pancione” ad Adinolfi. E’ la regola del partito dell’amore. Ma Stracquadanio sta esagerando. Adesso vi copierò acuni dati su questo uomo:

Il 20 novembre 2009 ha rilasciato un’intervista a Il Fatto Quotidiano in cui si è dichiarato a favore delle leggi ad personam,

contrario alla reintroduzione del voto di preferenza e all’espressione del dissenso all’interno del Popolo delle Libertà.

Ha inoltre dichiarato che l’editto bulgaro avrebbe dovuto contenere più nomi, e che Augusto Minzolini avrebbe dovuto rendere esplicita la linea editoriale del TG1 a favore del governo Berlusconi IV ( … tè ciapa!)

Nell’estate 2010 ha invocato contro Gianfranco Fini il “trattamento Boffo

Ha inoltre dichiarato in Senato che L’Aquila “era una città che stava morendo, indipendentemente dal terremoto e il terremoto ne ha certificato la morte civile” ( le vittime erano già morte e non lo sapevano…)

A seguito della denuncia di Angela Napoli sulla prostituzione di alcune colleghe politiche in cambio di cariche pubbliche, si è dichiarato a favore dell’uso della prostituzione per fare carriera nella politica italiana

Stracquadanio ha cercato di introdurre un emendamento al decreto sicurezza che avrebbe reso non rintracciabili le buste paga dei dipendenti delle aziende vincitrici di appalti pubblici, così favorendo il lavoro nero… (fonte: Wikipedia)

adesso , io sono sempre stata a favore della chiusura dei manicomi e la legge 180 mi è sempre parsa segno di civiltà,  ma portare i pazzi in parlamento  mi pare non fosse neppure nei sogni di Basaglia.

Ma basta coi Brunetta, gli Stracquadanio… abbiamo bisogno di gente seria! Ah , tra parentesi , questo bell’omino è consigliere della Mariastar… vedete un po’ voi in che mani siamo..

Seconda cosa:

I leghisti dopo aver salvato Cosentino, fatto una guerra che ha portato ondate di migranti, giurato che Ruby è la nipote di Mubarak, sistemato figli e parenti, rubato sugli appalti e altre nefandezze che non starò a ricordarvi,  ora, in vista di Pontida, si attaccano al crocifisso… ma ci facciano il piacere…

sono attaccati alla cadrega altro che ai valori cristiani…

acc… mi si è aggiunta una terza cosa:

arrestano un faccendiere e il governo va in fibrillazione, non è strano?  Ma non è tutto:

dopo lo scontro con Michele Santoro durante una puntata di “Annozero” dedicata al caso Ruby il direttore generale della Rai, Mauro Masi chiamò Luigi Bisignani :”Come sono andato?”. La risposta: “Bella figura di merda”

Perchè chiedere a Bisignani?  E non basta ,  l’ex direttore della Rai ammette: “Mi si chiede perché mi sono fatto scrivere la lettera di licenziamento di Santoro da Bisignani  [ ... ] Rispondo che mi sono rivolto a Bisignani perché addentro al mondo istituzionale in ragione delle sue conoscenze nel mondo politico”. Insomma il condannato a tre anni e 4 mesi per la tangente Enimont era l’uomo giusto per scrivere una lettera perchè l’ufficio legale della RAI evidentemente non era alla sua altezza. Mah…

su /giù

Thursday, June 16th, 2011

Su Berlusconi che non ha paura di nessuno e la maggioranza tiene …. peccato per lui che sia

Giù il pollice di Bossi

Su il prezzo della benzina

Giù l’autostima di Brunetta costretto a rettifficarsi e , come si dice a Milano , a sbasà i ari ( abbassare le arie …)

Su la villa di Lampedusa che oggi alle ore 13 ( cambia di ora in ora come il prezzo del petrolio in borsa..) era di Berlusconi

Giù Stracquadanio che vuol punire gli statali sul web, prostituirsi per un posto in parlamento  va bene ( maschi e femmine … lui non ha preclusioni) ma un posto nel web è immorale eh…

Su l’età della pensione delle donne… tanto sono abituate a lavorare : lavorano  in casa  poi vanno in ufficio / fabbrica,   contemporaneamente si occupano dei figli  , dei  vecchi, dei mariti… con tutto questo allenamento che vuoi che sia qualche annetto in più …

Giù Sallusti /Nosferatu / Olindo sospeso dall’ordine dei giornalisti , è anomalo che gli venga riconosciuta la qualifica di giornalista … la sospensione è il minimo

Su Guzzanti che è il più amato dal popolo del web

Giù Moggi che dopo essere stato radiato dal mondo del calcio dice : “Vogliono la guerra? “  NO, non vogliamo la guerra , vogliamo un calcio pulito per questo siamo contenti che lui non ne faccia più parte…

Su il mio umore nel vedere la faccia di Berlusconi

a bientot
RESTIAMO UMANI

Notiziole

Thursday, June 16th, 2011

«Ma dove trovo i soldi se i giudici mi condanneranno?» questa la domanda che si pone Silvio Berlusconi,  la risposta è semplice: se li faccia restituire dalle Olgettine, venda gli appartamenti intestati alle sue amichette ( anche quelli della Zardo …visto che eran soldi suoi) , si faccia restituire i soldi prestati a Lele Mora… insomma se vuole li trova…li trova… noi siamo fiduciosi.

***

 

Brunetta fa la vittima perchè sarebbe stato insultato via web. Non è un insulto a tutti noi il suo comportamento di ieri?

Non è lui che ha pronunciato queste frasi?

«Sento di avere una superiorità morale, culturale, etica e ideologica nei confronti di questa sinistra che mi fa leggermente schifo»

«La “conurbazione” Napoli-Caserta è «un cancro sociale e culturale».

“la sinistra” “ vada a morire ammazzata” …

 «La povera sinistra sarebbe nata con altri scopi e invece si fa condizionare da un’élite di merda»

insomma,  il ministro ci disprezza e piagnucola perchè il sentimento è ricambiato! Mah!

***

Ruby dice che farà importanti dichiarazioni a fine mese. Il tg si chiede che avrà da dirci. Io dico che non ha proprio nulla da dire , ha solo mandato un messaggio a chi ha interesse lei non parli…

a bientot

Roma ladrona ma anche la giunta Cota non scherza:

«Agiva per motivazioni politiche personali e non per l’interesse della pubblica amministrazione». Questa la ragione che ha indotto gli inquirenti a disporre gli arresti domiciliari per Caterina Ferrero, assessore alla Sanità della Regione Piemonte. (fonte: La Stampa)

RESTIAMO UMANI

ma cacciamolo via!

Wednesday, June 15th, 2011

A Roma un gruppo i precari della pubblica amministrazione tenta , durante un convegno , di rivolgere una domanda al ministro Brunetta .

Per tutta risposta il ministro esclama:

«Siete la parte peggiore dell’Italia»

e se ne va.

Beh signori,  questo maleducato è un nostro dipendente , lo paghiamo noi.

Credo sia arrivato il momento di dire basta a questi strafottenti che paghiamo fior di quattrini.

Se il criterio è la meritocrazia , un ministro inutile come Brunetta che è anche arrogante e maleducato merita una bella lettera di licenziamento.

LICENZIAMOLO!

a bientot

RESTIAMO UMANI

“I musulmani sono come i cuculi: giovani chiassosi ed arroganti, che pretendono di essere nutriti, curati e alloggiati, prendono a sassate la polizia e bruciano le sedi della Caritas”.

questa curiosa definizione potete trovarla sul giornalino del comune di Mariano Comense…

E sempre questa definizione mi ha fatto pensare al Vangelo:

Guardate gli uccelli: non seminano e non mietono, e Dio li nutre. Quanto più degli uccelli voi valete! Chi di voi, per quanto si affanni, può aggiungere un’ora sola alla sua vita?
Se, dunque, non avete potere neanche per la più piccola cosa, perchè vi affannate del resto?
“Guardate i gigli come crescono! Non filano, non tessono: eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro.”
 

forse i mussulmani hanno più fede dei cittadini di Mariano Comense…

avventure di un por’om*

Tuesday, June 14th, 2011

Berlusconi , molto euforico per i risultati del referendum , prima mostra un quadro al  primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu:

 

 «Il presidente mi ha chiesto che quadro fosse, io mi sono informato e posso dargli una risposta: è di Andrea Appiani e rappresenta il Parnaso, ovvero il bunga bunga del 1811».

“Quello sono io e questo si chiama Mariano Apicella»

poi esce  e si precipita a comprare collanine:

ora vi faccio una domanda difficile:

Nel giorno dei referendum quale è stato il pensiero fisso di Berlusconi?

a bientot

RESTIAMO UMANI

* por’om significa pover uomo  ed è l’equivalente maschile di “pora dona” che il premier usò per la signora Veronica , è un modo si dire milanese che sottointende commiserazione e disapprovazione, significa anche donna/uomo da poco.

ORA UN MESSAGGIO MOOOLTO PERSONALE:

è fatta ! Passaparola

Monday, June 13th, 2011

ed il web impazzisce per la vittoria dei sì nei referendum. Interpretano la schiacciante vittoria  come un “vaffanquorum” a Berlusconi -

Del resto la battaglia dei referendum si è svolta quasi tutta in internet e con Berlusconi sono diventati  vecchi anche i suoi mezzi di convinzione: le sue tv , i suoi giornali hanno perso il potere di addomesticare un intero Paese.

LA STANNO PRENDENDO BENE:

RESTIAMO UMANI

indovina di chi parlano…

Monday, June 13th, 2011

Facciamo un giochino , io riporto delle definizioni di personaggi noti su altri personaggi noti e voi cercate di capire di chi parlano:

1) Cirino Pomicino: Non ha mai capito niente di politica. E’ ambiziosa, ma è pura plastica senza contenuto. Ha plagiato il Cavaliere, stanco e invecchiato: quasi una circonvenzione di incapace. E presto lo tradirà

2) Silvio Berlusconi :  *** quando parla, sembra un ubriaco al bar

3) Michele Serra: *** è il classico fanatico: uno che quando parla gli saltano uno dopo l’altro i freni inibitori, e gli esce fumo dalle orecchie. [...] In questo ***  (come parecchi ex socialisti, ahimè) è il berlusconiano perfetto: pur di non dubitare di se stesso, attribuisce ogni problema alla malvagità del Nemico

4) Umberto Bossi: C’e’ qualche differenza tra noi e lui… Peccato che lui sia un mafioso. Il problema e’ che al Nord la gente e’ ancora divisa tra chi sa che *** e’ un mafioso e chi non lo sa ancora

5)  Francesco Storace: Quella legge  ***  non solo non l’ha scritta, ma non l’ha neppure letta

6) Daniele Capezzone: °°° è entrato in politica con 5 mila miliardi di debiti e con le banche che tentavano di strozzarlo; oggi vanta 29 mila miliardi di attivo e figura tra i sette uomini più ricchi del pianeta

7) Briatore: É malato, Dani! Il suo piacere è vedere queste qui, stanche, che vanno via da lui. Stanche, dicono. Oh, che poi queste qui ormai lo sanno! Dopo “due botte” cominciano a dire che sono stanche, che le ha rovinate”.

8) Bossi:  ‘E’ uno stronzo‘.

9) Carfagna : A Napoli le chiamano le vajasse

la soluzione ve la do domani…

a bientot

RESTIAMO UMANI