Posts Tagged ‘Travaglio’

questo uomo non mi rappresenta

Tuesday, May 26th, 2009

Copio qui , pari  pari , un post di Marco travaglio che mi ha segnalato Isa. Ritengo dobbiate leggerlo … c’è da non credere a quel che si legge…

Dal ruolo dell’avvocato Mills alla social card. Dai proclami sulla sicurezza a quelli su Malpensa. Dalla crisi economica a Noemi. Così Berlusconi ha fatto della menzogna un metodo politico.
 
Dimenticate Capodichino. Dimenticate la vicinissima Villa Santa Chiara, la sala da ballo sulla circonvallazione di Casoria, dove domenica 26 aprile il presidente del Consiglio ha festeggiato il diciottesimo compleanno di Noemi Letizia. Scordatevi le incongruenze, i silenzi, le domande rimaste senza risposta e le bugie vere e proprie utilizzate dal Cavaliere per respingere le accuse mosse contro di lui da sua moglie Veronica (”Frequenta minorenni”) e per giustificare l’amicizia con la giovane favorita.

Per raccontare Silvio Berlusconi basta il resto. Bastano vent’anni di dichiarazioni, poi puntualmente smentite, di promesse mancate, di giudizi rivisti nel giro di due giorni. ‘L’espresso’ li ha esaminati tutti ad uno ad uno. E certo non si fatica a capire come mai Indro Montanelli, uno che lo conosceva bene, scrivesse: “Berlusconi è allergico alla verità. Ha una voluttuaria e voluttuosa propensione alla menzogna”. Per poi aggiungere quasi profetico: “‘Chiagne e fotte’ dicono a Napoli dei tipi come lui”. Ecco dunque una guida ragionata (e necessariamente sintetica) alle migliori bugie del Cavaliere. Cominciando dalle più recenti.

Sentenza Mills
“È una sentenza semplicemente scandalosa, contraria alla realtà. Se c’è un fatto indiscutibile è che non c’è stato alcun versamento di nessuno al signor Mills” (19 maggio 2009).
Un fatto indiscutibile? Mica tanto, visto che il versamento, prima di ritrattare, l’avvocato David Mills, lo ammette almeno due volte.
“Io mi sono tenuto in stretto contatto con le persone di B. Sapevano bene che il modo in cui io avevo reso la mia testimonianza (non ho mentito, ma ho superato curve pericolose, per dirla in modo delicato) avesse tenuto Mr. B. fuori da un mare di guai nei quali l’avrei gettato se solo avessi detto tutto quello che sapevo. All’incirca alla fine del 1999 mi fu detto che avrei ricevuto dei soldi, che avrei dovuto considerare come un prestito a lungo termine o un regalo: 600 mila dollari”.
(da una lettera di Mills del 2 febbraio 2004)
“Nell’autunno del ‘99 Carlo Bernasconi (responsabile dell’acquisto dei diritti tv, morto nel 2001, ndr), mi disse che Berlusconi, a titolo di riconoscenza per il modo in cui ero riuscito a proteggerlo nel corso delle indagini giudiziarie e dei processi, aveva deciso di destinare a mio favore una somma di denaro”. (interrogatorio di Mills, 18 luglio 2004)

Malpensa, Italia
“Penso che non sia assolutamente possibile che un hub come Malpensa venga privato del 72 per cento dei voli. Quelle di Air France sono condizioni irricevibili. Perché di fronte a 200-300 milioni di perdite per Alitalia l’abbandono di Malpensa comporterebbe perdite per oltre un miliardo di euro” (4-18 marzo, 2008).
“Rilancio del trasporto aereo, con la valorizzazione e lo sviluppo degli hub di Malpensa e Fiumicino” (programma del Pdl: sette missioni per l’Italia, 2008).
Nell’aprile del 2009 la cordata italiana della Cai voluta da Berlusconi sceglie solo Fiumicino come hub: a Malpensa, Alitalia conserva 187 voli alla settimana su 1.237. I cassintegrati dello scalo, considerando l’indotto, sono 2.500.

Sicurezza
“Aumento progressivo delle risorse per la sicurezza. Maggiore presenza sul territorio delle forze dell’ordine” (programma Pdl).
Il 30 marzo del 2009 tutti i sindacati di polizia, da destra a sinistra, protestano in piazza. Il segretario del Siulp dichiara: “Le auto sono usurate, mancano gli uomini, gli organici sono ridotti all’osso, gli agenti che vanno in pensione non vengono sostituiti”. Nella manovra finanziaria triennale sono del resto previsti tagli progressivi per circa 3 miliardi e mezzo di euro. E quest’anno il taglio è di 931 milioni di euro.

Giustizia
“Aumento delle risorse per la giustizia, con un nuovo programma di priorità nell’allocazione delle risorse” (programma Pdl).
La manovra finanziaria, spiega l’associazione nazionale magistrati, prevede che riduzioni per le spese correnti e in conto capitale saranno del 22 per cento nel 2009 e del 40,5 nel 2011. Conseguenze immediate: nei tribunali non si tengono più udienze al pomeriggio per mancanza dei cancellieri.

Intercettazioni
“Volevo un disegno di legge che limitasse le intercettazioni ben diverso. Perché devono essere possibili solo per reati gravissimi come quelli di mafia e di terrorismo. Invece mi hanno costretto a includere anche i delitti contro la pubblica amministrazione e pure degli altri reati” (’la Repubblica’, 16 luglio 2008)
“Auspico che, come succede in Europa, le intercettazioni siano consentite solo per indagini su organizzazioni criminali come mafia, ‘ndrangheta e via di seguito, oppure che riguardino il terrorismo internazionale. Spero che dal Parlamento esca la legge che auspico” (Intervista al Tg4, 1 agosto 2008)
“Io non ho mai pensato di vietare questo strumento d’indagine per un reato grave come la corruzione, io ho detto che non dovevano essere possibili per tutti i reati contro la pubblica amministrazione” (11 gennaio 2009, intervento telefonico a Neveazzurra)

Cimici e spie
“Ho trovato una microspia dietro il termosifone del mio studio. Mi spiano! Abbiamo procure eversive che calpestano l’immunità parlamentare!”.
È l’11 ottobre ‘96 quando Berlusconi mostra ai giornalisti una microspia grande quanto un mini-frigo. Luciano Violante convoca la Camera in seduta straordinaria. Buttiglione parla di “uno scandalo peggiore del Watergate”. Destra e sinistra invocano immediate riforme delle intercettazioni. Solo Bobo Maroni dice: “Più che una cimice a me pare una mozzarella, anzi una bufala”. Mesi dopo si scopre che il microfono era stato messo lì, per fare bella figura, da un tecnico incaricato dagli uomini del Cavaliere di bonificare i locali.

Arriva l’onda
“Avviso ai naviganti: non permetteremo l’occupazione delle scuole e dell’università. Oggi convocherò il ministro dell’Interno Maroni per studiare con lui gli interventi delle forze dell’ordine. L’ordine deve essere garantito, lo Stato deve fare lo Stato” (22 ottobre 2008).
“Mai detto né pensato che la polizia debba entrare nelle scuole” (23 ottobre 2008).

Immunità per tutti
“Voglio una riforma radicale. Immunità parlamentare come a Bruxelles, priorità nell’azione penale invece dell’obbligatorietà, nuovo ordinamento giudiziario con la separazione delle carriere, riforma del Csm, sezione disciplinare autonoma per giudicare i magistrati” (16 luglio 2008 di fronte agli europarlamentari).
“Sull’immunità non ho mai detto niente. State facendo dei titoli incredibili”. (18 luglio)

Rifiuti
“È una data storica per la Campania e per Napoli. Da oggi si entra in una fase di smaltimento dei rifiuti che possiamo definire industriale. Io (il termovalorizzatore) l’ho voluto fortissimamente e alla fine siamo riusciti a vararlo e farlo operare”. (26 marzo 2009, Panorama del Giorno, Canale 5)
Ma l’inaugurazione è solo di facciata. Quello che è partito è invece il collaudo della linea 1 che, oltretutto, il giorno successivo verrà spenta per un mese, come testimoniano le webcam puntate sull’impianto. Poi, quando il 27 aprile il caso comincia a spuntare sui giornali, Berlusconi dice: “Acerra funziona benissimo, l’inquinamento è vicino allo zero”. Anche perché, come si leggerà in un comunicato del Commissariato rifiuti datato 2 maggio, solo quel giorno “inizia la prima fase dell’avviamento della seconda linea”. Per la terza bisogna invece aspettare. E in ogni caso tutto il collaudo, a base di stop e go, terminerà a dicembre. Acerra, insomma, se tutto andrà bene sarà realmente in funzione nel 2010.

Ville e terremoto
“Sì, metto a disposizione della Protezione civile tre case per fare quello che già hanno fatto molti italiani, i quali hanno offerto 1.600 abitazioni, soprattutto case di vacanza, a disposizione delle famiglie dei terremotati” (10 aprile 2009)
La Protezione civile, interpellata da ‘L’espresso’, non ha notizie su eventuali sfollati ospiti di Berlusconi. E anche l’ufficio stampa di Palazzo Chigi, contattato nel pomeriggio di martedì 19 maggio, non sa dire nulla. Sul terremoto e sui tempi della ricostruzione, garantiti dal Cavaliere prima per settembre e poi novembre.

Social card
“Ne abbiamo date più di un milione e 300 mila ed è stato un gran successo. Sono anonime e quindi non toccano la dignità di nessuno. Infatti le Poste sono state invase da un gran numero di persone che ne hanno fatto richiesta” (18 dicembre 2008)
I dati aggiornati al 31 dicembre dicono però che le social card consegnate (contenenti 40 euro) erano 520 mila e che 190 mila erano prive di fondi. Con conseguente umiliazione di molti indigenti costretti a lasciare la spesa alle casse dei supermercati.

Bonus bebè
“Reintroduzione del bonus bebè per sostenere la natalità. Graduale e progressiva riduzione dell’Iva sul latte, alimenti e prodotti per l’infanzia” (programma Pdl).
Non pervenuti. Lo ammette anche il sottosegretario, Carlo Giovanardi, che il 15 maggio spiega: “Le risorse non ci sono”.

I figli di Eluana
“Eluana Englaro è una persona viva, le cui cellule cerebrali sono vive e mandano segnali elettrici, una persona che potrebbe anche in ipotesi generare un figlio” (6 febbraio 2009).
Senza parole.

La crisi psicologica
“La crisi è in gran parte psicologica” (intervista al Gr Rai, 6 maggio 2009).
Una settima dopo l’Istat segnala un calo del Pil record del 5,9 per cento. Da trent’anni non si vedeva niente del genere.

Barack Obama
“Obama ha debuttato molto bene, con grande capacità di rapporti umani. Com’è che diceva Proietti? Ah, ecco, lo sguardo ‘acchiapponico’. Obama ha lo sguardo acchiapponico…” (2 aprile 2009, Ansa ore 19.05).
“Berlusconi non ha mai detto quello che gli viene attribuito dalle agenzie di stampa in riferimento al presidente Obama, poiché si stava rivolgendo all’inviato di ‘Repubblica’, come tutti presenti hanno potuto vedere” (2 aprile, nota di Palazzo Chigi, ore 20.48).

Bush pacifista
“La crisi irachena avrà sicuramente uno sbocco pacifico. Se c’è qualcuno che non vuole la guerra in Iraq, questo è il signor Bush”.
È il 13 marzo 2003. Sette giorni dopo gli angloamericani attaccano l’Iraq. Poi arrivano gli italiani. Intanto, la guerra fa 100 mila morti in due anni, fra torture, bombe al fosforo, resistenza, terrorismo, guerra civile.
Ma per Berlusconi tutto fila liscio come l’olio, a parte un piccolo problemino a Baghdad: “Ormai in Iraq c’è una vita regolare, ci sono le scuole, eccetera. Poi, certo, ci sono le cose che non funzionano: ad esempio, i semafori a Baghdad non funzionano. Ogni tanto scende uno dalla macchina e si mette a dirigere il traffico” (30 settembre 2004).

Sua Altezza
“L’ho detto anche a pranzo ai miei colleghi ministri, è falso come leggo oggi su alcuni giornali come ‘L’espresso’ che metto i tacchi: guardate!” (levandosi le scarpe davanti ai giornalisti, al vertice di Caceres, del 2002).
Ma a smentirlo ci pensa uno dei suoi migliori amici: “Chi è più alto tra me e Berlusconi? Senza tacchi, io”. (Mariano Apicella, La Stampa, 30 ottobre del 2003)

Grandi opere
“Sto trattando col mio amico Putin per aprire un corridoio negli Urali e collegarci all’oceano Pacifico” (’Porta a Porta’, 11 gennaio 2006).
Altro che Tav: praticamente le grandi opere sono in fase così avanzata che ormai stiamo lavorando alla Transiberiana.

Lavoro, che fatica!
“Guarda quanto mi fanno lavorare! Guarda quanti impegni ho!” (1 agosto 2008).
Al termine di una conferenza stampa Berlusconi mostra al ministro Giorgia Meloni la sua agenda. I fotografi la riprendono e così diventano pubblici gli impegni del 30 luglio: 9.40 uscita di casa; 10 Enel Civitavecchia (ma Berlusconi non si presenta all’inaugurazione della centrale); 12 Yushchak (aggiunto a mano, secondo ‘Novella 2000′ si tratterebbe di una modella ucraina ventunenne); 13 Masi, allora segretario di Palazzo Chigi; 13.30 colazione per gli 80 anni di Cossiga (che però salta); 16 Previti (Cesare, pregiudicato) e telefonata a Bossi. Poi a penna sono aggiunti i nomi Manna (forse Evelina, una delle starlette del caso Saccà), Troise (probabilmente Antonella, attrice), Staderini (Marco, cda Rai); 19 Di Girolamo (Nunzia, una delle parlamentari Pdl più carine;) 19.30 Bossetti (o Bassetti); 20.30 Selvaggia; infine: “Sardegna compleanno Barbara (la figlia)”. E ancora una nota a penna (per aumentare l’autostima?): “Al presidente n 1. Al presidente più vittorioso nella storia del calcio. N 1 nella storia del calcio…”.

Il patto con Confalonieri
“Fra me e Fedele Confalonieri c’è un patto: quello di avvisarci reciprocamente qualora uno dei due rincoglionisse. E Fedele non mi ha ancora detto niente”.
Questa era del 29 novembre 1993. Arrivati a questo punto, forse è venuto il momento che Fedele gli dica qualcosa.
Fonte: http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/2009/05/24/il_grande_bugiardo.html

non credo di dover aggiungere nulla… se non che questo uomo non mi rappresenta!

a bientot

non è vero che la casta risparmia

Saturday, October 25th, 2008

L’altro giorno scrissi che mi era stato impossibile guardare Ballarò perchè l’on (on?) Castelli mostrava una maleducazione ed una arroganza insopportabili.

Fra le cose che mi innervosirono ci fu l’affemazione di Castelli che l’ICI veniva coperta coi tagli delle spese dei ministeri. Sapevo che era una bugia, detta con fermezza ed  arroganza ma una bugia ed ora ve lo dimostro:

spero vogliate guardare il video del mio piccolo post del pomeriggio.

A bientot